Archivi tag: viaggi

hey now, hey now

Immagine: Litchis, Romain Decker on Flickr [CC BY-NC-ND 2.0)9]

ho sognato

una casa dall’altra parte del mondo. buffa e su un sacco di livelli diversi.

dei lavandini multipli, somiglianti a enormi cartoni delle uova, con acquarelli e tempere tutto intorno. nel bel mezzo di una stanza.

una vecchia amica trovata lì per caso e un enorme album di foto, che chissà perché ho portato in viaggio. forse per lei.

un pandoro alla marmellata di litchis, servito a colazione insieme a fragole giganti.

un giro in barca su un canale, anche se la città dove mi trovo un canale non ce l’ha, poi un’auto che guido fingendo di sapere dove sto andando, un teatro in cui mi fermo a chiedere biglietti, ma è tutto esaurito. peccato.

un sorriso che non vedo da tanto tempo. e che un po’ mi manca.

ho anche sognato che era un sogno. mi rovino sempre tutto il divertimento da sola

[Colonna sonora consigliata: qui. Immagine: Litchis, Romain Decker on Flickr – CC BY-NC-ND 2.0]

Contrassegnato da tag ,

Raw material

Ci ho provato a scrivere un post come si deve, con i racconti, le emozioni, le foto e tutto. Ma non riesco a trovare l’ispirazione; e intanto il tempo passa e poi mi diventa tutto un po’ invecchiato. Un po’ “pòsso”, come dicono i miei amici lombardi con una parola di rara adeguatezza.

Quindi niente, ho deciso di buttare tutto alla rinfusa qui dentro. Raw material
SistersViaggiare con la mia coppia di sorelle preferita è un privilegio e un piacere. Ci divertiamo, ci capiamo, ci veniamo incontro con la delicatezza discreta di chi cerca di prendere il proprio spazio senza toglierne all’altra.
E soprattutto, quando sono con loro “c’è sempre musica nell’aria”.

Augustines

Avere scoperto la gioia dei concerti in età piuttosto avanzata è una cosa strana e potente, in cui la saudade per qualcosa che non hai mai avuto si fonde nell’esaltazione, in emozioni che per tanti altri sono in qualche modo già assimilate. Non scontate, o neutre, ma digerite in un’età della vita diversa.
La gioia del mio primo concerto degli Augustines, l’energia e la potenza quasi catartica di quelle due ore e più di musica, sorrisi, commozione, quindi, non la so descrivere. Però ho fatto una playlist.

Ah, la Roundhouse è un posto f.a.v.o.l.o.s.o.

Fanatics

Non capisco perché il colore che si associa a Londra sia il grigio (fumo di londra si dice, o no?). Il colore di Londra, per quanto mi riguarda, è il ROSSO. Dei bus, delle cabine del telefono, degli idranti, delle strisce della Union Jack, delle divise delle Guardie reali. Londra è rossa, punto. A Natale se vogliamo anche troppo :)

I vagoni della metropolitana di Londra sono parecchio claustrofobici, nei corridoi non si capisce mai se si deve dar la destra o la sinistra, perché in ogni caso c’è qualcuno che ti viene addosso. Il malcostume di piantarsi davanti alle porte e di non lasciar scendere prima di salire è parecchio diffuso anche qui. La comunicazione di Transport for London però mi piace, diretta e molto pratica: invece di puntare a inutili minacce tipo “è pericoloso appoggiarsi alle porte” preferiscono ricordarti pragmaticamente che “gli oggetti incastrati nelle porte causano ritardi”.

Ogni volta che abbiamo sentito qualcuno – qualcuno che vive a Londra – lamentarsi della difficoltà a fare amicizia con gli inglesi, della loro ritrosia a fare domande per via di un’eccessiva riservatezza, del fatto che puoi passare mesi senza sapere niente del tuo vicino di ufficio…ascoltavo gli altri dire “ma pensa, che triste, che brutto” ma pensavo “ah, che meraviglia!” Forse devo andare a vivere in Gran Bretagna.

Terror & Wonder

Ho posato gli occhi su una lettera scritta a mano di Edgar Allan Poe e la sua grafia delicata, quasi fragile, mi ha fatto commuovere. Ero lì che un po’ saltellavo, un po’ mi emozionavo, un po’ mi sdilinquivo in questa mostra spettacolare allestita alla British Library, circondata da scrittori e opere che rappresentano la mia formazione, le radici di buona parte di ciò che amo adesso, di ciò che sono adesso. Ho provato un senso di riconnessione, bellissimo. Chi lo avrebbe detto, che avrei trovato ad aspettarmi un pezzetto di me, a Londra?

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Del giornalismo e dei fumetti – Terza parte

Continua la carrellata dei miei incontri favoriti al Festival di Internazionale a Ferrara.

Oggi tocca a

Leo Hickman
Data e luogo: 5 ottobre, ore 12 – Sala Estense
Titolo e argomento: Ethical living. Le cinque regole del viaggiatore
Tempo di attesa per entrare: un’ora abbondante. La fila si srotolava tutta intorno alla piazza, un cordone colorato di persone di ogni età. Bello.
In compagnia di: Fabrizio, amico romano di Betta, conosciuto all’arrivo a Ferrara. Persona deliziosa.
Il bello: trovarsi davanti – in carne, ossa e voce – la persona che per tanto tempo hai seguito solo attraverso il suo Ethical living. Per una che ha passato 3 anni a Fa’ la cosa giusta!, Leo Hickman è una sorta di “essere mitologico”, oltre a rappresentare quello che manca al giornalismo italiano (salvo poche eccezioni ): la capacità di parlare onestamente di sostenibilità senza flagellare lo stile di vita medio della maggior parte della gente, facendo leva sulla responsabilità, l’utilità e l’ironia. E pensare che quando due anni fa proposi di invitarlo in fiera mi fu risposto: “ma chi cazzo vuoi che sappia chi è Leo Hickman“.
Il brutto: il ritmo lento, causato dalla lunghezza degli interventi di Leo e dalla successiva traduzione. Chi capiva l’inglese si sorbiva la ripetizione, chi invece no, restava in attesa per molti minuti prima di capire di cosa si parlasse. E poi la traduttrice, seppur molto brava e attenta, si ostinava a usare l’odioso “piuttosto che” in funzione disgiuntiva. Cosa che non riesco a sopportare.
Cosa porto a casa: alcune conferme, qualche idea nuova e la scoperta che la suite presidenziale del più lussuoso hotel del mondo (a Dubai, 28mila $/notte) offre un menu per scegliere tra undici diversi tipi di guanciale.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,