La sindromatica

Ya para entonces me había dado cuenta de que buscar era mi signo, emblema de los que salen de noche sin propósito fijo, razón de los matadores de brújulas*. [Julio Cortázar – Rayuela. Cap.1]

Io cerco, senza direzioni precise, attraverso le strade delle mie città e tra i miei pensieri. Se posso lo faccio a cavallo di una bicicletta, con il naso per aria.

Di bussole non ne ho. O meglio, ne ho una vasta collezione, ma mi piace smontarle per poi scoprire se sono capace di rimetterle in funzione. C’è chi dice che le uccido – “assassina di bussole” – che vado allo sbaraglio senza un obiettivo. E invece no. Il mio obiettivo è vivere, osservare, toccare. A ogni passo dubbi, scelte, paure e aspettative. A volte mi lasciano dei segni addosso. A volte sono segni meravigliosi.

Sono curiosa, insicura, introversa, assetata, a volte tremendamente pigra, troppo spesso cerebrale. In ogni caso porosa, come una spugna.

Mata-brújulas è come cerco di essere. The Beast è come mi chiamano molti dei miei amici (chiedete cosa so fare con lo sguardo…) Cronopia è il più lusinghiero dei miei nomi.

Questo è uno dei miei manifesti.

No te salves
No te quedes inmóvil al borde del camino
No congeles el júbilo
No quieras con desgana
No te salves ahora ni nunca
No te salves
No te reserves del mundo sólo un rincón tranquilo
No dejes caer los parpados pesados cómo juícios
No te quedes sin labios
No te juzgues sin tiempo
No te pienses sin sangre
No te duermas sin sueño
Pero
Si pese a todo
No puedes evitarlo
Y congelas el jubilo
Y quieres con desgana
Y te salvas
Y te reservas del mundo sólo un rincón tranquilo
Y dejas caer los parpados pesados cómo juícios
Y te secas sin labios
Y te juzgas sin tiempo
Y te piensas sin sangre
Y te duermes sin sueño
Y te quedas inmóvil al borde del camino
Y te salvas
Entonces
No te quedes conmigo (**)

Mario Benedetti

Se vuoi contattarmi, scrivimi a mauratomei chiocciola gi mail punto com

__________________________________________________________________________________________________

(*) A quel punto mi ero accorto che cercare era il mio destino, l’emblema di coloro che escono la notte senza alcuna precisa intenzione, lo scopo degli assassini di bussole.

(**) Non salvarti / Non restare immobile / sul ciglio della strada / non congelare la gioia / non amare senza passione / non salvarti adesso / né mai / non salvarti / non riempirti di calma / non riservarti solo un angolo / tranquillo nel mondo / non lasciar cadere le palpebre / pesanti come sentenze / non restare senza labbra / non addormentarti senza sogni / non pensarti senza sangue / non giudicarti senza tempo.
Ma se / nonostante tutto / non puoi evitarlo / e congeli la gioia / e ami senza passione / e ti salvi adesso / e ti riempi di calma / e ti riservi solo un angolo / tranquillo nel mondo / e lasci cadere le palpebre / pesanti come sentenze / e ti asciughi senza labbra / e ti addormenti senza sogni / e ti pensi senza sangue / e ti giudichi senza tempo / e rimani immobile / sul ciglio della strada / e ti salvi / allora / non venire con me.