“Per tutto questo tempo, ogni giorno”. (Post scriptum, L’Aquila, un video)

Ragazzo,
è passato tanto tempo dall’ultima volta e sono felice che tu abbia trovato questa mia lettera.
Ti parlo come fossi tua madre. Ti trovo cambiato, distante, ma è giusto così.
Sono cambiata anche io e, ultimamente, sono un po’ giù. Ma non spaventarti, mi passerà. In fondo ho la pelle dura, lo sai. E questo silenzio comincia quasi a piacermi.

Tu, piuttosto, come stai? è bello rivederti.

Una cosa importante ci tenevo a dirtela: per tutto questo tempo, ogni giorno, ho combattuto la ruggine anche per te.

Che pazienza che hai ad ascoltare le parole patetiche di questa vecchia che dovrebbe consolare te.
Mi fai tenerezza. Se ti vedessi da fuori, con quella giacca… travestito da duro. Cosa pretendevi, cosa speravi di trovare?

Dentro ho conservato quel poco che mi hai lasciato. Lo rivuoi indietro? Lo rivuoi?

Ascoltami.

Perdonami, se ho usato troppe parole per non dire niente. Ma raccontarti quello che mi è successo è difficile. Forse è impossibile.

Post scriptum: è umano fare l’errore di credere che qualcosa possa essere immortale.

Questi ragazzi hanno realizzato un racconto straordinario. Grazie.

E come sempre, grazie a Massimo

Contrassegnato da tag , , , ,

One thought on ““Per tutto questo tempo, ogni giorno”. (Post scriptum, L’Aquila, un video)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: