Funeral x-factor (Se non si ridesse ai funerali, cosa ci andremmo a fare?)

Funeral Party

Pomeriggio di gennaio, chiesa affollatissima, noi nipoti nelle prime file. Il prete investe mia sorella dell’onore dei canti: libretto alla mano, dovrà scegliere i brani e far partire il coro.

Quando arriva il momento (inequivocabile lo sguardo orsù! del prete) lei attacca con il Symbolum, che se non siete pratici è l’equivalente della canzone del sole per i canti di chiesa. Lei tentenna, un vicino la supporta, la folla segue, il prete è contento, le mie orecchie sanguinano.

Il canto finisce, le voci si spengono, il prete riprende a parlare: mio cugino si china e mi sussurra all’orecchio “Per me è un NO”.
Risate. Sipario.

[e per fortuna che non ha scelto Resta con noi, altrimenti nella mia testa sarebbe partita questa e addio: la fine, la vergogna, il diseredo]

[e non mi chiedete perché conosco le canzoni di chiesa. La bambina che cantava la messa è nascosta da qualche parte, lì dentro, e si rifiuta di lasciar spazio a ricordi più degni.]

[se continuiamo così aprirò una nuova categoria sul blog, fatta apposta per i miei comportamenti riprovevoli ai funerali di famiglia]

Contrassegnato da tag , , ,

3 thoughts on “Funeral x-factor (Se non si ridesse ai funerali, cosa ci andremmo a fare?)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: