certe volte l’indignazione non basta

Certe volte ci vorrebbe la potenza degli elementi

sprizzare fuoco per incenerire parole che mai avrebbero dovuto raggiungere la carta stampata.Generare tuoni per annichilire il suono della bocca che le ha pronunciate. Ordinare alla terra di spalancare la sua voragine più famelica. Sferzare di vento le menti rancide e corrotte, spazzare via il fetore della volgarità e della violenza.

Ecco.

Il vento. Aria fresca da respirare. è ora di spalancare le finestre

Daremo aria a queste stanze
molto prima che sia Natale
prima che quest’ossido di carbonio
cominci a farci male.

Staremo accanto alla finestra
dritti nell’aria della sera
ritorneremo a respirare
ritroveremo la maniera.
Amore mio.

Non abbiamo scelto un abito scuro
anche se non ci starebbe malissimo
praticando una teoria meccanica
basata sull’aria.

Chiamateci col telefono
vi risponderemo prestissimo
questione di chiarezza del messaggio
di precedenza dell’ingaggio.

La chiesa metropolitana
prima o poi ci toglierà di mezzo
ma non c’è più energia che basti
a riparare tutti questi guasti.

Nessuno vorrà farsi apparire in sogno
un avvocato conservatore
sarà questione di ventilazione
sarà questione di respirazione.
Amore mio.

Daremo aria a queste stanze
molto prima che sia Natale
prima che quest’ossido di carbonio
cominci a farci male.

Staremo accanto alla finestra
dritti nell’aria della sera
ritorneremo a respirare
ricorderemo la maniera.
Amore mio.

La Polizia conserva foto di tutti
e Dio lo sa cosa le tiene a fare
gente che usciva allo scoperto
praticamente per respirare

Ma ognuno ha una coscienza segreta
con cui fa il pranzo di Natale
sarà questione di ventilazione
o di sapere che cos’è normale.
Amore mio.

Ivano Fossati – Ventilazione

PS: è che non trovo le parole adatte per esprimere il disgusto che provo per le parole che ha pronunciato Francesco Cossiga. [Errata corrige! avevo messo il link sbagliato: ora è quello giusto].

E per la vergogna di essere unita a lui dall’appartenenza a questa che dovremmo chiamare “patria”. Proprio ieri ho trovato questo...e adesso lo trovo particolarmente adatto. è di Javier Marias. Se conoscete lo spagnolo potrete gustarlo in tutta la sua lucidità.

Altrimenti aspetterete la mia traduzione.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: