Appunti a margine della manifestazione contro il razzismo (Milano, 20/09/08)

C’ero anche io. Ho sfilato, incontrato amici e persone che non vedevo da tanto tempo, e che mi ha fatto piacere rivedere in quell’occasione. Ho percorso in su e in giù a più riprese il corteo per scattare foto che rappresentassero quanto di bello e di meno bello ho visto.

Quello che i media hanno restituito di questa giornata mi ha delusa, ancora una volta.

Dire che è stata una manifestazione politicizzata e non pacifica è parziale e, nel secondo caso, falso.
Oltre ai partiti c’erano Rete scuole, Rete G2, Terre di Mezzo, le Scuole irregolari (non sono certa del nome: organizzano corsi e attività per gli immigrati), l’ANPI, Emergency, bande musicali, gruppi di scuole e molto altro.

Credo che la maggior parte delle persone (me compresa) fossero lì per testimoniare la preoccupazione per il clima pericoloso che è sceso ormai da tempo sulla nostra società. Per manifestare solidarietà a chi ogni giorno subisce trattamenti determinati dal pregiudizio sul colore della pelle (e sulla cultura e sulla religione e sul sesso, ecc…).

Personalmente credo che la politica – di ogni segno e colore – non stia facendo alcuno sforzo per migliorare la situazione che viviamo. Ma la presenza di bandiere e di propaganda fatta di mano in mano non mi è apparsa come fuori luogo. Semplicemente una parte del tutto.

Sono felice di aver visto gli immigrati e i ragazzi di seconda generazione condurre una manifestazione, cantare, sorridere. Ho sentito parole belle, sgrammaticate ma che colpivano nel segno, esasperate, fiduciose. Ne ho sentite anche di violente e inopportune. E questo non mi è piaciuto.

Mi sono trovata nel gruppo che ha deviato dal percorso per entrare nella Galleria e poi correre in via Manzoni, bloccando il traffico con parole e gesti non sempre pacifici. Non mi è piaciuto nemmeno questo.

Ho visto un uomo buttato a spintoni giù dalla moto perchè cercava di attraversare la strada nella quale i ragazzi formavano un cordone. Ma ho anche visto che, mentre chi aveva spinto continuava a insultare l’uomo, molti altri si affrettavano ad aiutarlo, rimettere in piedi la moto e allontanare gli idioti.

E’ stato a quel punto che ho preso la strada di casa, un po’ amareggiata e preoccupata per il suono delle sirene che si avvicinavano a piazza Repubblica.
Sono contenta che gli scontri siano stati di lieve entità. Mi indigna che i media  abbiano enfatizzato questa parte.
E’ stata una bella manifestazione.

Contrassegnato da tag , ,

One thought on “Appunti a margine della manifestazione contro il razzismo (Milano, 20/09/08)

  1. betta scrive:

    io non sapevo neppure che ci fosse..questo per dirti quando disinformazione a livello nazionale c’è…

    che filosofia dietro il tuo blog…bellissima!

    bt

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: